Un consiglio di Stefano Resmini è lasciare alle spalle “la solita” Roma e passare a quella contemporanea con una visita al Museo Maxxi. Respirare la nostra capitale in un modo completamente nuovo e diverso.