Luciano Simonelli ci porta a conoscere una serie di libri gialli davvero interessanti scritti da Maria Santini. Approfondiamo l’argomento ascoltando l’audio.

Il Libro

Messina 1901: una bella e un po’ sonnolenta cittadina nella quale Giovanni Pascoli, docente di letteratura latina all’università, e l’inseparabile sorella Maria vivono a loro agio nonostante il loro carattere poco socievole e le loro abitudini così diverse da quelle locali. Ad un certo punto il timido professore romagnolo stringe un’amicizia tanto inaspettata quanto gratificante con una delle prime famiglie della città, quella dei principi di Monteferrante. Timorosa, come sempre, che degli estranei possano anche involontariamente ferire il suo troppo sensibile fratello, Maria assiste in disparte, un po’ corrucciata. Sembra avere ragione quando un terribile fatto di sangue getta nel lutto i Monferrante, turbando profondamente il suo Giovannino. Un mistero che il poeta e anche Maria, finalmente schierata al suo fianco, contribuiranno a risolvere e che potrà dirsi concluso solo in quel dicembre 1908, il dicembre del terremoto. Un romanzo giallo ma con protagonisti reali: Giovanni Pascoli e sua sorella Mariù.